Mal di testa da vista, come evitarlo

0
Mal di Testa da Vista - Stress Visivo
Mal di Testa da Vista - Stress Visivo

Molto spesso a fine giornata abbiamo forti mal di testa, sentiamo gli occhi pesanti ed avvertiamo una sensazione di stanchezza generale. La causa di questi dolori è spesso riconducibile allo stress visivo cui i nostri occhi sono sottoposti quotidianamente.

Il mal di testa da vista viene chiamato cefalea oftalmica. Si presenta con un dolore cranico, che può essere fisso o pulsante, localizzato o diffuso, accompagnato spesso da altri sintomi.

Mal di testa da vista: Le cause

Le cause di un mal di testa da vista possono essere molteplici.

Durante il corso di una qualunque giornata lavorativa, i nostri occhi sono sottoposti a migliaia di sollecitazioni visive.

Dobbiamo costantemente mettere a fuoco qualcosa, a distanze diverse, esempi classici sono lo studente che impiega buona parte della giornata sui libri o l’impiegato che passa molto tempo davanti al monitor di un computer.

Il nostro occhio presenta al suo interno due muscoli che stimolano il cristallino a mettere a fuoco qualsiasi oggetto o persona a diverse distanze, come farebbe una comune macchina fotografica con lo zoom e messa a fuoco.

È comprensibile che, alla fine di una lunga e stressante giornata, questo costante esercizio di messa a fuoco di elementi posti su piani prospettici diversi generi stanchezza, mal di testa e visione sfuocata.

Altra causa della cefalea oftalmica può essere un difetto visivo non corretto, quale la miopia, l’astigmatismo, l’ipermetropia.

La miopia è un difetto visivo causato da una curvatura eccessiva della cornea o del cristallino e dalla lunghezza eccessiva del bulbo oculare. Ciò comporta che i raggi luminosi non vengano messi a fuoco sulla retina, ma in un punto davanti ad essa. Quindi il soggetto miope, quando cerca di mettere a fuoco gli oggetti, senza la dovuta correzione con occhiali o lenti a contatto, fa un continuo sforzo visivo.

Con la presenza di astigmatismo la cornea non è perfettamente sferica e la sua curvatura varia nei meridiani. Questo è la causa di una diversità nella messa a fuoco dei raggi luminosi sulla retina e il conseguente calo della vista, accompagnato da bruciori oculari, lacrimazione, annebbiamento visivo, ma soprattutto mal di testa.

Nell’occhio ipermetrope i raggi luminosi vengono focalizzati al di là della retina. La causa è principalmente la presenza di un bulbo oculare corto. L’occhio ipermetrope tende a correggere naturalmente il difetto con la capacità di accomodazione, cioè di messa a fuoco.

Lo sforzo accomodativo aumenta con il progredire dell’età e dà origine ad una stanchezza oculare, mal di testa, bruciori oculari, lacrimazione, congiuntiviti, visione annebbiata e in casi estremi a strabismo.

 

Mal di testa con sintomi oculari

Esistono inoltre alcuni tipi di cefalea che si manifestano con sintomi oculari ma hanno un’origine diversa e sono l’emicrania oftalmica e nevralgia del trigemino.

L’emicrania oftalmica è caratterizzata da forti mal di testa. Si parla di emicrania oftalmica con aura quando si presentano dei disturbi visivi, quali la visione di flash, lampi di luce e/o disturbi neurologici per una durata media dai 20 ai 60 minuti.

Le forme di prevenzione per tale disturbo sono innanzitutto l’adozione di stili di vita che tendono ad eliminare le cause delle crisi e cure farmacologiche.

La nevralgia del trigemino è un’infiammazione della guaina mielinica che avvolge il nervo trigemino. Tale nervo è fondamentale nel corpo umano perché veicola le informazioni sensoriali tattili, termiche e dolorifiche del volto. Tra i sintomi vi sono episodi dolorosi che si avvertono anche a livello degli occhi accompagnati da forti mal di testa.

Nelle forme lievi si ricorre a cure farmacologiche, nelle forme più gravi si può arrivare ai trattamenti chirurgici.

 

Quali sono i rimedi per il mal di testa da vista?

Ricordiamo prima di tutto l’importanza di una visita dall’oculista, che può escludere problemi di altra natura. Qualora l’oculista accerti che la causa sia un difetto di rifrazione è necessario dotarsi di lenti a contatto e di occhiali.

Ne esistono oggi sul mercato diversi modelli, che risultano molto efficaci per combattere lo stress visivo, un esempio sono le nuove Lenti Monofocali Evolute.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here